bacalhau à portuguesa

un ovvio piacere nei miei viaggi, è quello di assaggiare i cibi ed i prodotti del paese in cui ho l’occasione di soggiornare… ma poi come fai a riprodurre quelle squisitezze? logico monsieur de lapalisse : acquisti i loro libri di cucina

così il mio dolce ed ormai rassegnato consorte sa che una parte della valigia deve essere destinata ai libri ed alle cosucce ( assolutamente in ambito culinario) che deciderò di acquistare

quando anni fa andammo a lisbona rientrai con una bella scorta di libri sul bacalhau…la tradizione dice che una sposa deve portare in dote almeno ( almeno!!!) 365  ricette diverse di baccalà, quindi potete immaginare quanti libri acquistai

la ricetta che vi propongo è assolutamente portoghese e quindi fatta con il baccalà secco: il merluzzo norvegese ( gadus morua) viene pulito, aperto e deliscato,quindi salato… a questo punto spedito in portogallo dove viene seccato ( un tempo sulle rocce ora in modi più moderni)

per renderlo commestibile non serve null’altro che trattarlo come un normale baccalà: mettete in acqua fredda per 4 gg cambiando l’acqua almeno 2 volte al giorno o lasciando un leggero flusso continuo oppure…comperate il baccalà già ammollato

se non lo trovate usate il normale baccalà bagnato che trovate nel vostro negozio di riferimentoIMG_9833 (1)

             baccalà  arrosticciato

        ( bacalhau à churrasqueira)

ingredienti per 4 persone

4 pezzi di baccalà secco ammollato di circa 200 gr l’uno

2 dl di olio evo

2 cipolle bianche grossine

1 spicchio di aglio

1 kg di patate

olio per le patate

prezzemolo tritato

procedimento

tagliate le cipolle in anelli  e tritate l’aglio

tagliate le patate in fette sottili circa 4 mm, asciugatele bene e quindi friggetele in abbondante olio, facendole scivolare nell’olio una ad una perchè non si incollino. devono essere fritte ma non cotte perchè poi cuoceranno con il baccalà scolate e tenete da parte

in una casseruola mettete i 2 dl di olio e quando caldo scottate bene il baccalà, precedentemente ben asciugato, da entrambe e parti  fino a doratura

quando il baccalà è pronto toglietelo dalla casseruola e mettete nella stessa le cipolle e l’aglio facendoli dorare ma non friggere nel fondo che si è formato con il baccalà e che vedrete si assorbiranno bene

in una pirofila mettete metà delle cipolle quindi metà delle patate, il baccalà,  le restanti patate e per ultime cipolle; irrorate leggermente con un poco di olio e mettete in forno giusto il tempo perchè la pietanza prenda un colorino scuro ed i gusti si amalgamino ( 15 min a 180°)

servite spolverizzato di prezzemoloIMG_9831

velbekomme

p.s come vedete non ho usato sale…dovrete assaggiare considerando sempre che il baccalà è un pesce conservato nel sale e che quindi, per quanto ben bagnato, ne rilascerà sempre alla pietanza… considerate anche che, sia patate sia cipolle, sono alimenti dolci…regolatevi secondo il vostro palato

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...